Riflessioni recenti

06/11/2018
05/11/2018
02/11/2018
30/10/2018
26/10/2018

Lc 12,13-21

19/10/2015
E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede». Lc 12,13-21

La cupidigia il male che ha inquinato l’umanità

Ha sostituito Dio nelle relazioni

È diventato merce di scambio negli affetti

Ci stiamo ammazzando per possedere le cose e per prevalere sul fratello

Ormai di questa droga non ne possiamo fare a meno

Il Signore ci mette in guardia e ci invita a non far dipendere la nostra vita da cose

Un affetto sano ha un valore inestimabile

Una vita passata nell’avere il necessario per vivere

porta ad avere tempo per amare e essere amati

Questo bisogno di fame d’amore è dovuto alla cupidigia

E ci porta a possedere l’altro/a

Guarda gli uccelli del cielo nessuno di loro cade oggi per fame

Il Padre provvederà come provvederà a te

La tua vita dipende dall’amore non dal soldo

Per mancanza d’amore la gente si lascia morire

Ho sperimentato la provvidenza di Dio alla mensa

Quando arrivano ospiti più del previsto mangiano tutti

Quando qualcuno mi racconta delle belle chiese che ha visto

Mi viene una stretta al cuore e stare in quelle chiese belle

Poi guardo i santuari che escono dalla mensa soddisfatti

Il cuore prende il volo e ringrazio Dio per il permesso che mi da

È proprio in quel contrasto mi sento uomo vulnerabile e che sa amare

Questa imperfezione mi fa pensare e mi fa scegliere

La cupidigia annebbia la vista e non ti fa scegliere

Tanto che due fratelli che litigano per lo stesso bene

Chiedono a Dio la giustizia mentre dovrebbero scegliere solo Dio

Questa è la scelta che ci giustifica e fa di noi uomini liberi

L’avido è così stolto che pensa di manipolare Dio